Back to top

Le isole

L’isola La Désirade

Al largo della Pointe-de-Chateaux, ecco la Désirade, l’isola tanto desiderata! Da lontano la sua forma ricorda quella della chiglia di una barca rovesciata. Qui sembra di vivere fuori dal tempo…

Calma e semplicità caratterizzano questo promontorio, ben diverso dalle altre isole dell’Arcipelago. Nulla sembra, infatti, poter perturbare l’atmosfera tranquilla che regna sull’isola, né tantomeno modificare l’autenticità e l’accoglienza benevola dei suoi abitanti, in gran parte discendenti degli ex-coloni francesi.
La Désirade, lunga 11 km e larga 2 km, vanta magnifiche spiagge di sabbia bianca, protette da lunghe barriere coralline, che fanno la gioia di bagnanti e amanti delle immersioni.
Solo il litorale sud è abitato. Un’unica strada rettilinea collega Grande-Anse, borgo principale, alle località vicine.
La Désirade presenta non solo una vegetazione straordinariamente diversificata, ma anche interessanti colonie di animali in via di estinzione.
Poco a poco l’isola si sta modernizzando e sviluppando turisticamente: non mancano, infatti, spiagge e sentieri per escursioni, alloggi tipici e simpatici ristoranti.

Da non perdere
• La randonnée alla Morne du Souffleur (1 ora e 15 di marcia) che offre uno splendido panorama sull’isola
• Siti ed edifici: il bel villaggio di Grande-Anse, la piazza del municipio, il faro della Pointe-Doublé, il cimitero marino di Beauséjour, la cappella di Notre-Dame du Calvaire, la chiesa di Notre-Dame-De-Bon-Secours…
• Le spiagge di Grande-Anse, del Souffleur e della baia di Baie-Mahault e l’affascinante spiaggia della Petite-Rivière ideale per le immersioni
• La sensazione da “fine del mondo” alla Pointe du Grand-Abaque
• Le rovine dell’ex-lebbrosario e della storica fabbrica di cotone
• L’escursione alle isole della Petite-Terre

Da vivere: la Festa dei Marinai (16 agosto), l’evento più importante dell’isola della Désirade e la Festa del Cabri (o Fèt a kabri) che dura due giorni durante il week-end di Pasqua.

Da gustare: il capretto in ragout o in colombo (tipica preparazione locale con la poudre de colombo, mix di diverse spezie), il pesce, freschissimo, il cajou-confit, il punch e il dolce di frutta in crosta.

ASSOLUTAMENTE DA VEDERE!
Le isole di Petite Terre: situate a una decina di chilometri dalla Désirade, le due isolette di Petite-Terre, Terre-de-Haut e Terre-de-Bas, sono separate da un laguna di 200 metri di larghezza. Classificato Riserva Naturale, questo minuscolo arcipelago è abitato da una sorprendente colonia di iguana. È inoltre uno straordinario sito per immersioni subacquee.

Gli operatori locali propongono escursioni giornaliere con partenza da Saint-François. Per tutelare questo sito, deve essere rispettano in codice di comportamento, e in particolare l’accesso a Terre-de-Haut e il sorvolo della regione sono rigorosamente vietati.

BUONO A SAPERSI
Una riserva naturale geologica

La Désirade fa oggi parte delle riserve naturali regionali. È la prima Riserva Naturale Geologica di Francia e l’Oltre-Mare. Qui si trovano le rocce più antiche delle Piccole Antille (basalti, radiolariti). Uno strano ambiente naturale che fa tornare i visitatori all’epoca dei dinosauri! La classificazione come riserca oltre alla sottoscrizione di una Carta dello Sviluppo, Sostenibile (installazione di un parco eolico nel 1993), rafforza lo sviluppo dell’ecoturismo nelle Isole della Guadalupa.

Contatti
Comune di La Désirade
Tel: +590 (0)5 90 20 01 76
Ufficio del Turismo
Tel/Fax: +590 (0)5 90 85 00 86
otladesirade@wanadoo.fr


L’isola La Désirade
L’isola La Désirade

Petite-Terre Riserva Naturale

Petite-Terre Riserva Naturale